Scarica gli allegati presenti all’interno dei vari argomenti trattati cliccando i pulsanti contenenti i nomi dei file.

Caccia al Cinghiale

La Provincia di Siena disciplina la gestione faunistica e venatoria del cinghiale ed esercita il controllo sulle differenti forme di attività venatoria, attraverso la gestione del registro provinciale dei cacciatori abilitati alla caccia al cinghiale in battuta.

La caccia al cinghiale nei Distretti degli Atc è esercitata dai cacciatori abilitati e iscritti all’apposito registro provinciale. L’iscrizione è consentita al cacciatore in possesso di uno dei seguenti requisiti:

abilitazione all’esercizio venatorio, a seguito del superamento di un esame di cui all’articolo 29, comma 7, della Legge Regionale n.3 del 1994 e al Regolamento Regionale n.2 del 1995 nel nuovo testo integrato con le disposizioni riguardanti norme di comportamento e sicurezza specifiche per la caccia in battuta al cinghiale;

iscrizione, alla data del 31 dicembre 1995,nei registri provinciali relativi alle squadre di caccia al cinghialein battuta;

provenienza da altro Registro provinciale nell’ambito della Regione Toscana;

attestazione di frequenza rilasciato dalle associazioni venatorie per la partecipazione a corsi di formazione e specializzazione relativi alle norme di comportamento e di sicurezza per la caccia al cinghiale in battuta, conseguita anche in altra regione italiana;

essere guardiacaccia di azienda faunistico venatoria e agrituristico venatoria, in possesso del decreto da almeno un anno.

ATCSIENA19_aree vocate cinghiale 2014.pdfPROVINCIA SIENA_aree vocate cinghiale Atc senesi 2014.pdf
Caccia al Cinghiale in Area non Vocata

Il prelievo del cinghiale nel territorio a caccia programmata non vocato alla specie cinghiale è consentito in forma singola, anche con l’uso del cane, dal 1 ottobre 2014 al 30 novembre 2014. Nello stesso periodo dal 1 ottobre 2014 al 30 novembre 2014 e dal 1 gennaio 2015 al 31 gennaio 2015, sono consentiti anche interventi collettivi di prelievo venatorio della specie finalizzati a intensificare il contenimento del cinghiale e limitarne la densità nell’ottica di una maggiore tutela delle produzioni agricole.

Cartografie Gruppi di Intervento Autorizzati (Gennaio 2015)
Cartografia Gruppo Intervento 01Cartografia Gruppo Intervento 02Cartografia Gruppo Intervento 03Cartografia Gruppo Intervento 04Cartografia Gruppo Intervento 05Cartografia Gruppo Intervento 06Cartografia Gruppo Intervento 07aCartografia Gruppo Intervento 07bCartografia Gruppo Intervento 09Cartografia Gruppo Intervento 10Cartografia Gruppo Intervento 11Cartografia Gruppo Intervento 12Cartografia Gruppo Intervento 13Cartografia Gruppo Intervento 14Cartografia Gruppo Intervento 15aCartografia Gruppo Intervento 15bCartografia Gruppo Intervento 15cCartografia Gruppo Intervento 16Cartografia Gruppo Intervento 17Cartografia Gruppo Intervento 18Cartografia Gruppo Intervento 19aCartografia Gruppo Intervento 19bCartografia Gruppo Intervento 20Cartografia Gruppo Intervento 21Cartografia Gruppo Intervento 22Cartografia Gruppo Intervento 23Cartografia Gruppo Intervento 24Cartografia Gruppo Intervento 25Cartografia Gruppo Intervento 26Cartografia Gruppo Intervento 27
Zone Protezione Speciale

La Provincia, per la salvaguardia della fauna selvatica, può istituire un divieto di caccia pubblico. Occorre inoltrare la richiesta agli uffici della Provincia, attraverso gli ATC di competenza territoriale. Alla richiesta devono essere allegati, nel caso si tratti di Oasi di protezione, gli atti da cui risulti il consenso dei proprietari dei terreni, la cartografia dei terreni che si intende vincolare e il nulla-osta dell’Atc. In caso si tratti invece di Zone di Protezione occorre depositare la cartografia dei terreni che si intendono vincolare.

ATCSIENA19_ZPS-LAGHI.pdfATCSIENA19_ZPS-ORCIA.pdf
Istituti Faunistici Pubblici e Divieti di Caccia

Nei territori che rivestono un particolare interesse dal punto di vista faunistico, naturalistico e ambientale, la Provincia istituisce oasi, zone di protezione, zone di ripopolamento e cattura (Zrc), zone di rispetto venatorio (Zrv) e centri pubblici di riproduzione della fauna selvatica. Le zone di ripopolamento e cattura e quelle di rispetto venatorio sono istituti di primaria importanza nella gestione faunistica del territorio e sono gestite convenzionalmente dagli Ambiti territoriali di caccia. La Provincia, sentiti i Comuni interessati o su richiesta degli stessi, può vietare l’esercizio venatorio in zone determinate per un periodo non superiore a un anno, quando ricorra la necessità di proteggere la fauna selvatica per insufficiente consistenza faunistica; per la salvaguardia dell’ambiente e/o delle produzioni agricole; per la tutela della incolumità delle persone; per sopravvenute particolari condizioni stagionali, climatiche, di malattie ed altre calamità, come previsto dall’articolo 33 della Legge regionale n.3 del 1994.

PROVINCIA SIENA_ISTITUTI PUBBLICI E DIVIETI.pdf
Istituti Faunistici Privati

Sono istituti faunistici e venatori a gestione privata: le Aziende faunistico venatorie (AFV); le Aziende agrituristiche venatorie (AAV) e i Centri privati per la riproduzione di fauna selvatica allo stato naturale (CPRFS).

PROVINCIA SIENA_ISTITUTI PRIVATI.pdf
Confini A.T.C. 19

I confini dei tre Ambiti Territoriali di Caccia che fanno parte del comprensorio della Provincia di Siena.

TERRITORIO_ATCSENESI.pdf